sabato 27 ottobre 2012

Guatemala: scoperta una delle più antiche tombe Maya

Nel sito archeologico di Tak’alik Ab’aj (sud-ovest del Guatemala, a circa 45 km dal confine con lo stato messicano del Chiapas), dopo un decennio di continue ricerche, è stata ritrovata una delle più antiche tombe maya conosciute.


Tra i sorprendenti risultati centinaia di perle di giada, cucite su stoffa o pelle, ricamate su braccialetti e cavigliere.

La datazione al radiocarbonio, secondo le prime analisi, confermerebbe la data del 700-400 a.C., e per questa ragione considerata la più antica sepoltura reale Maya.

L’abbigliamento di questa seconda sepoltura, che, come la prima, non presenta ossa conservate a causa del tempo trascorso, contiene pochi vasi, ma meravigliose statuette femminili.

La collana, con forme particolari di perle simili a quelle che si trovano nella zona Olmechi, è un pezzo unico centrale: una cosiddetta “figura alata in piedi” o “figura umana con testa di uccello”, in analogia con i vari pezzi della collezione del Museo del Costa Rica.

Questi ritratti di figura umana con testa di uccello, molto probabilmente un avvoltoio, potrebbero rappresentare una prima indicazione che il possessore sarebbe stato un uomo di alto rango.

Il ritrovamento è di grande importanza per considerare la connessione tra la via commerciale lungo la costa del Pacifico e l’apparente sviluppo socio-culturale in questa regione geografica, e fornisce inoltre l’opportunità di stabilire gradi di similitudine e differenze tra caratteristiche culturali e le relative diffusioni.