mercoledì 24 aprile 2013

Mini-robot scopre tre camere nel Tempio messicano di Quetzalcoatl


Un mini-robot guidato dall'equipe di archeologici dell'Istituto Nacional de Antropologia e Historia ha scoperto tre nuove camere nascoste nell'ultimo tratto di galleria inesplorata della piramide di Quetzalcoatl (anche chiamato tempio del serpente piumato) risalente a oltre duemila anni fa, situata nel famoso sito archeologico di Teotihuacan, Messico.


Dotato di una videocamera e di un braccio meccanico in grado di eliminare gli ostacoli sulla strada, il mini-robot, ha trasmesso le immagini di quelle che sembrano essere tre antiche camere situate sotto la piramide della città mesoamericana.
L'obiettivo originario dei ricercatori era quello di scovare la sepoltura degli antichi governanti della città, mai rinvenute finora.

"Penso che il tunnel sia un elemento centrale intorno a cui è stato costruito l'intero centro cerimoniale", ha raccontato Sergio Gomez, uno degli archeologi.
"Si tratta di uno dei luoghi più sacri. Speriamo di poter trovare i resti di coloro che governavano Teotihuacan".

L'auspicio degli esperti è che questa scoperta aiuti a svelare il mistero della struttura sociale di Teotihuacan, di cui si sa ancora molto poco.
Dichiarata patrimonio mondiale delle Nazioni Unite, Teotihuacan raggiunse il suo picco tra il 250 e il 500 d.C., quando la popolazione raggiunse quasi 150 mila residenti, diventando la sesta città più grande al mondo dopo Costantinopoli e Alessandria.

La città ha una superficie di due chilometri quadrati, anche se gli scienziati ritengono che al picco del suo sviluppo, la metropoli abbia raggiunto i 20 chilometri quadrati.




Quetzalcoat Il serpente piumato

Tenochtitlán. Hernán Cortèz conquista la capitale atzeca